DOSSIER sulla soc. ECOSICURA, costola dell’impero Cerroni proponente di una discarica in loc. COLLI DEL SOLE – Aprilia

ECOSICURA S.r.l.:
Società a responsabilità limitata – Società di capitale
38.21.09 – Trattamento e smaltimento di altri rifiuti non pericolosi
VIA GROENLANDIA, 47, 00144, Roma

Proprietari e amministratori di Ecosicura srl. sono VINCENZO e FABRIZIO FIORILLO. L’indirizzo di Roma, via Groenlandia 47, ospita non a caso anche la sede legale della società Formica Ambiente srl. che gestisce la discarica di Brindisi (AIA rinnovata fino al 2019 con D.D. n. 4 del 23.01.2014) di cui era amministratore unico e consigliere di amministrazione lo stesso Vincenzo Fiorillo poi dimessosi in attesa degli esiti giudiziari dopo l’arresto del 2009.
Il progetto per la discarica in località Colli del Sole di Aprilia è stata presentato in Regione il 26 dicembre 2017, dopo soli due mesi dalla prescrizione dei reati a carico di Vincenzo Fiorillo.

FORMICA AMBIENTE S.r.l.: VINCENZO FIORILLO e PAOLO STELLA

Contrada Formica – 72100 Brindisi
SEDE LEGALE:
Via Groenlandia, 47 – 00144 Roma
CODICE FISCALE /PARTITA IVA:
05252621007
https://www.formicambiente.it/
A Brindisi c’è la sede operativa della società, attualmente rappresentata legalmente dall’ingegner Paolo Stella, amministratore unico e direttore tecnico della E. GIOVI.
Alla guida del consiglio di amministrazione c’è Piero Giovi presidente, consiglieri Franco Scarafoni e Francesco Rando, tutti uomini legati a Cerroni.
Il 19 marzo 2009 l’imprenditore Vincenzo Fiorillo, allora amministratore unico fu arrestato dai carabinieri del Noe di Lecce, che scoprirono il meccanismo e le figure che c’erano dietro al flusso di rifiuti tossici nocivi, che sarebbero stati illegalmente smaltiti lì e che arrivavano dal Veneto, dal Lazio e dalle Marche. Migliaia di tonnellate di scarti industriali contaminati dalla presenza di piombo, cadmio, mercurio, oltre i limiti di ammissibilità in quel tipo di discarica. Il tutto con la complicità di chimici, che avrebbero avuto un ruolo nella falsificazione delle analisi dei rifiuti: declassando la pericolosità e tramutando i codici, si dava la patente perché venissero smaltiti alla Formica a basso costo.
Il 12 giugno 2012 il Tribunale di Brindisi nominava il sig. Roberto Paoletti amministratore giudiziario dell’impianto e autorizzava la riapertura il 14 gennaio 2013 avviando il procedimento di rinnovo dell’AIA concessa poi a gennaio 2014. Lo stesso anno Arpa, nel corso delle attività di controllo ordinario, accertava numerose violazioni e superamenti dei limiti nelle acque di falda.
Pozzo 4: superamento limiti per 1,1-dicloroetilene (cancerogeno) e 1,2-dicloropropano
Pozzo 5: superamento limiti per 1,1-dicloroetilene
Furono trovati gli stessi idrocarburi anche nel percolato con valori eccedenti i limiti legali.
Fu inoltre accertato che le analisi del laboratorio di fiducia di Fiorillo, EFFEMME presentate all’Arpa erano falsificate e riportavano valori nella norma.
Tra le numerose violazioni dell’AIA mancata misura del battente minimo del percolato nei pozzi e mancata attivazione del sistema automatico a comando elettrico che doveva garantire il livello minimo del percolato.
Il 3 febbraio 2015 il tribunale di Brindisi condannò Vincenzo Fiorillo a un anno e 10 mesi insieme ad altri 8, per il reato di traffico illecito di rifiuti, anche tossici e nocivi e/o corruzione, dispose il risarcimento danni a favore della provincia di Brindisi e del Ministero dell’Ambiente e autorizzò il dissequestro della discarica.
Il 20-22 aprile 2015 ulteriori controlli di Arpa Puglia accertarono ancora superamenti dei limiti:
Pozzo 4A: superamento limiti per 1,1-dicloroetilene (cancerogeno) e 1,2-dicloropropano
Pozzo 5A: superamento limiti per 1,1-dicloroetilene
Pozzo 8: superamento limiti per 1,1-dicloroetilene
Pozzo 10: superamento limiti per 1,1-dicloroetilene

Il 9 ottobre 2017, a distanza di 11 anni dagli arresti, il processo di appello si concluse per intervenuta PRESCRIZIONE. Tutti liberi.
Fonti:
https://www.ilfattoquotidiano.it/2014/03/04/brindisi-raddoppia-la-discarica-di-cerroni-e-la-cugina-di-quella-di-pianura-simbolo-di-gomorra/901880/
http://parlamento17.camera.it/application/xmanager/projects/parlamento17/attachments/auditi_pdf/pdfs/000/000/061/Rif_M20141202_15_Formiche.pdf

Rifiuti spa, da Pianura a Brindisi: L’Indiano svela il tetris in odor di camorra


http://www.brindisireport.it/cronaca/nove-condanne-a-Brindisi-per-discarica-Formica-Ambiente.html
http://www.brindisireport.it/cronaca/Discarica-Formica-prescrizione-per-tutti-gli-imputati-Brindisi.html
http://www.provincia.brindisi.it/dmdocuments/ambiente/Formica_Ambiente/22-07-2015_ARPA Rapporto_Controllo_Ordinario_2014.pdf.